Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Previdenza

Gli italiani temono il rischio di non autosufficienza

Facebook
Twitter
LinkedIn

Il 65% dei giovani, scrive il Censis nella ricerca “L’eccellenza sostenibile nel nuovo welfare”, non teme l’invecchiamento: perché lo considera un fatto naturale (53%) o perché pensa che, come per il vino, invecchiando si migliora (12%).

Solo il 35% degli italiani ha paura di invecchiare, mentre il 15% ne combatte gli effetti e il 20% semplicemente si rassegna.

Ma quando si diventa “vecchi”?

Il Censis ha rilevato che non è solo un fatto di età, anzi, spesso l’età non c’entra. Il 54% degli anziani, infatti, fa coincidere la soglia di accesso alla vecchiaia con la perdita dell’autosufficienza, il 29% con la morte del coniuge e il 24% con il pensionamento.

I giovani, invece, pensando alla loro terza età, sono incerti: il 32% si preoccupa perché non sa bene che cosa accadrà, il 22% è disorientato.

Immaginandosi anziani, cosa temiamo di più i giovani? Il 43% teme l’insorgere di malattie, il 41% la non autosufficienza. Solo il 16% si sente tranquillo, perché si sta preparando a quel momento con risparmi e polizze assicurative, o semplicemente conta sul supporto della propria famiglia.

Numeri alla mano, i timori sembrano essere fondati; la spesa pubblica per gli anziani non autosufficienti è pari all’1,28% del Pil, vale a dire circa 20 miliardi di euro, ed è aumentata del +0,21% in sei anni.

In conclusione, è la non autosufficienza a spaventarci di più; oggi la risposta è affidata al “modello badanti”, ma reggerà? Due modelli a confronto.

Non autosufficienza oggi: il “modello badanti”



Oggi, il modello di assistenza agli anziani si basa sulle badanti; in Italia, sono più di 700.000 (di cui 361.500 regolarmente registrate presso l’Inps con almeno un contributo versato nell’anno)

E in più, l’aiuto di una badante spesso non è completamente risolutivo; l’85% degli italiani sottolinea che è comunque necessario un massiccio impegno dei familiari per coprire giorni di riposo, festivi, ferie, ecc.

Finora il modello ha funzionato, sostiene il Censis, ma diventa sempre meno low cost.

Complessivamente, il “sistema badanti” costa alle famiglie circa 9 miliardi di euro all’anno, a cui vanno sommati 4,9 miliardi per il pagamento delle rette di case di riposto.

Cifre sempre più importanti, che spesso diventano insostenibili. Sono infatti ben 120.000 le persone non autosufficienti che hanno dovuto rinunciare alla badante per ragioni economiche.

Per non rinunciare all’aiuto per l’assistenza a un anziano non autosufficiente, le famiglie sostengono molti sacrifici:

  • 333.000 famiglie hanno utilizzato tutti i risparmi;
  • 190.000 famiglie hanno dovuto vendere l’abitazione (spesso la nuda proprietà),
  • 152.000 famiglie si sono indebitate per pagare l’assistenza.

E lo scenario, per gli italiani, non è destinato a migliorare: il 78% pensa che stia crescendo la pressione delle badanti per avere stipendi più alti e maggiori tutele, con un conseguente rialzo dei costi a carico delle famiglie.

Non autosufficienza domani: il fondo pensione



Se come concepito oggi, il “sistema badanti” rischia di non essere più sostenibile, quali soluzioni per il futuro? Una proposta arriva dalla previdenza complementare.

Solidarietà Veneto, infatti, prevede già una prima efficace risposta alla temuta non autosufficienza: tra le diverse tipologie di rendita, è disponibile anche la cosiddetta rendita long term care (LTC).

La rendita LTC stabilisce il raddoppio della rata di rendita, nel caso sopraggiunga una situazione di non autosufficienza, per la quale l’iscritto abbia quindi bisogno di assistenza per svolgere le normali attività della vita quotidiana.

Il singolo e la famiglia sono tutelati: con il fondo pensione, scegliendo la rendita LTC, le spese per l’assistenza potranno essere sostenute grazie all’aiuto della maggiore pensione complementare erogata dal fondo stesso.

Il fondo pensione si colloca, sempre di più, nel suo ruolo naturale: strumento di welfare a 360 gradi.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
ISTAT: A RISCHIO IL RICAMBIO GENERAZIONALE
INPS: DAL 2016 AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
BOERI: È L’ORA DELLA TRASPARENZA, BASTA CON L’IGNAVIA DI STATO

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su