Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Novità

FONDO PENSIONE… A PORTATA DI “CLICK”!

Facebook
Twitter
LinkedIn

Quante volte si è titubanti nel richiedere una prestazione al fondo pensione perché non si conoscono i requisiti minimi per la richiesta, la documentazione da compilare o, più semplicemente, perché non si vuole coinvolgere terze persone nella gestione della propria situazione personale?

In tal senso, nel corso degli ultimi anni Solidarietà Veneto ha continuato a sviluppare il percorso di graduale “informatizzazione” dell’area riservata del Fondo con l’obiettivo di garantire:

I primi servizi on-line messi a disposizione, oltre alla variazione dei dati anagrafici e di residenza degli associati, sono stati:

  • Switch online: il vero primo grande successo! Le richieste sono aumentate considerevolmente, evidenziando come, per agevolare gli iscritti, spesso siano necessari solo strumenti semplici ed immediati: oggi, infatti, circa il 60% delle richieste è presentato utilizzando la procedura online.
  • Anticipo 30%: i numeri parlano da soli: introdotto nell’ottobre 2015, è stato già utilizzato da più di 1.200 iscritti.

Considerato il buon esito delle prime due sperimentazioni, si è allargata la possibilità di effettuare la richiesta online a tutte le tipologie di anticipo, attraverso un percorso guidato che affianca l’associato passo passo durante la fase di richiesta.

Vediamo ora insieme la procedura guidata per la richiesta delle anticipazioni “spese sanitarie” e “acquisto/ristrutturazione prima casa”.

LA PROCEDURA


1. Accedendo all’area riservata del sito, nella sezione “anticipi” è possibile verificare immediatamente le tipologie di anticipazione che si possono effettuare ed, eventualmente, gli importi già richiesti in passato.

2. Selezionando la voce “Richiedi Anticipo” della tipologia desiderata, l’associato entra in una nuova pagina nella quale, per iniziare, vengono riepilogati tutti i documenti che è necessario avere “a portata di click”.

3. La procedura prosegue poi verificando, attraverso alcune domande, tutti gli elementi utili per inquadrare la richiesta come, ad esempio, il soggetto a favore del quale viene presentata la richiesta, l’inserimento di fatture e/o preventivi di spesa, ecc. Il sistema si aggiorna in funzione delle risposte fornite.

4. Alla fine del percorso guidato, viene ricordato che, confermando l’operazione, la pratica viene automaticamente inoltrata agli uffici del Fondo: la richiesta è ufficialmente conclusa.

5. A conferma del caricamento della pratica viene rilasciato un documento che riassume l‘operazione: l’associato ha quindi a portata di mano – o di mouse – copia di tutta la documentazione inoltrata al Fondo.

E il processo di “informatizzazione” del Fondo non si ferma qui… presto i nuovi aggiornamenti!

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
LE ANTICIPAZIONI
PRESTAZIONI ACCESSORIE: COSA SONO E PERCHE’ ATTIVARLE

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #1 – ISCRIZIONI IN CRESCITA, MA NON BASTA.

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra: in questo approfondimento, vedremo chi si iscrive ai fondi pensione, in che misura e in quali regioni è più radicata la cultura previdenziale.  31 dicembre 2021: 8,8 milioni di italiani hanno

Nuovo Sportello Informativo a Valdobbiadene

Novità in provincia di Treviso: apre a VALDOBBIADENE un nuovo recapito del fondo pensione regionale Solidarietà Veneto potenzia il servizio nel trevigiano. Lo sportello sarà attivo da settembre 2022 ogni 1° lunedì del mese, dalle 15.00 alle 18.00 presso la sede Cisl, in via Piva, 39 I referenti diretti di Solidarietà Veneto sono a tua disposizione per: informazioni

Relazione Covip 2021: luci e ombre per la previdenza complementare italiana

L’annuale relazione, che illustra lo stato della previdenza complementare nel nostro Paese, ci presenta numerosi segnali di miglioramento, anche se rimangono delle zone d’ombra: la modesta diffusione del fondo fra giovani, donne e nel Meridione d’Italia, il nodo dei costi di gestione, le incognite finanziarie. Venerdì scorso, 10 giugno, il Presidente della Commissione di Vigilanza

Torna su