Tutte

Educazione finanziaria: Botswana batte Italia 52 a 37

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Durante la ricerca Financial Literacy Around the World, 150.000 adulti, selezionati casualmente in più di 140 paesi del mondo, hanno risposto ad un questionario (piuttosto facile) sull’educazione finanziaria. I risultati sono sorprendenti.

  • Sai cos’è la diversificazione del rischio?
  • Riesci a spiegare gli effetti dell’inflazione sui tuoi risparmi?
  • Conosci come si calcola l’interesse sul tuo conto corrente?
  • Sai di cosa si parla quando si parla di capitalizzazione?

Se hai risposto sì ad almeno 3 di queste 4 domande ne sai di più del 63% degli italiani.

Nel nostro paese, solo il 37% degli interpellati, infatti, è stato in grado di rispondere correttamente, la stessa percentuale registrata in Benin.

Un risultato che ci pone al penultimo posto (vedi grafico) tra i paesi dell’ “Europa dei 15”, davanti al solo Portogallo (con il 26%).

Per trovare il nostro Paese nella classifica globale delle 144 nazioni coinvolte, dobbiamo scorrere sino al 63° posto; prima di noi paesi come il Bhutan (54%), il Botswana (52%), il Turkmenistan (41%), lo Zimbawe (41%), il Togo o il Madagascar (38%).

Dati preoccupanti; la curatrice della ricerca, l’italiana Annamaria Lusardi, sottolinea: «è allarmante come alcune economie sviluppate abbiano livelli davvero bassi di educazione finanziaria».

Già… anche perché paesi come Usa e Giappone non svettano in termini di alfabetizzazione finanziaria

L’educazione finanziaria nel mondo


Norvegia, Danimarca e Svezia sono i paesi più alfabetizzati: il 71% ha risposto in maniera corretta. Restando in Europa, Gran Bretagna e Germania hanno totalizzato rispettivamente il 67% e il 66%, Francia il 52%, Spagna il 49% e Grecia il 45%.

Gli Stati Uniti, dicevamo, si piazzano fuori dalla top ten, al 14° posto, con il 57% di risposte corrette, dietro a Nuova Zelanda, Singapore e Repubblica Ceca.

Un risultato che colpisce, in considerazione del fatto che, proprio negli States, si insegnano le basi di finanza sin dalle scuole elementari.

Risultato al di sotto delle aspettative anche per il Giappone, che chiude al 38° posto (43% di risposte corretta) dietro Libano, Malta e Kuwait.

Dalla ricerca è emerso anche un altro dato interessante e riguarda l’età. Nelle economie sviluppate spicca la fascia 35-50 anni (63% di persone preparate), seguita da quella degli under 35 (56%).

Nei Paesi emergenti, invece, sono proprio i giovani fino a 35 anni a mostrare i migliori risultati.

 

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su