Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Normativa

Diamo il benvenuto ai “forestali”

Facebook
Twitter
LinkedIn

A seguito dell’approvazione da parte della Commissione di Vigilanza del testo deliberato dai delegati del fondo, dal 15 febbraio 2013 è in vigore il nuovo Statuto di Solidarietà Veneto.

Una delle modifiche approvate rende possibile l’adesione anche a Solidarietà Veneto per gli addetti ad attività di sistemazione idraulico – forestale ed idraulico – agraria per la Regione del Veneto (UNCEM – Contratto integrativo regionale di lavoro stipulato il 27 giugno 2012).

Solidarietà Veneto grazie alla contrattazione diventa, quindi, sempre più intersettoriale e offre risposte per il futuro pensionistico a una platea sempre più ampia di lavoratori del Veneto. Le contribuzioni al fondo pensione previste dal Contratto sono le seguenti:


In entrambi i casi, il versamento è commisurato alla retribuzione utile per il calcolo del TFR nel periodo di riferimento.

PASSAPAROLA!

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

RELAZIONE COVIP 2021: FOCUS #3. LA SCELTA DEI COMPARTI E I RENDIMENTI ACCUMULATI

Dopo 6 mesi di tensioni finanziarie, la “terza puntata” di analisi della Relazione Covip “cade a fagiuolo”: l’approfondimento è infatti dedicato a rendimenti che, nel lungo periodo e soprattutto sui comparti azionari, restano soddisfacenti. Ma quali sono i benefici reali per gli iscritti? I rendimenti dei fondi pensione si misurano nel… lungo termine. L’affermazione, per quanto

Torna su