Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Fiscalità

Cosa c’entra il bonus degli 80 € con i fondi pensione?

Facebook
Twitter
LinkedIn

Cominciamo dall’inizio: la deducibilità fiscale

I contributi volontari destinati all’investimento previdenziale sono deducibili fiscalmente. Il lavoratore dipendente che versa tramite busta paga determinate somme alla previdenza complementare, abbatte il reddito complessivo e quindi l’imponibile su cui viene calcolata la tassazione. Quanto maggiore è il reddito, tanto più elevata sarà l’aliquota marginale IRPEF (che varia da un minimo del 23% ad un massimo che supera il 41%) e quindi tanto maggiore sarà il risparmio fiscale.

Ad oggi, si possono portare in deduzione somme versate fino ad un massimo di 5.164,57 € all’anno. Nel computo di tale limite sono inclusi: il contributo da busta paga, il contributo a carico dell’azienda. Non sono conteggiate, invece, le quote di TFR.

Il bonus degli “80 euro” e la deducibilità

Senza entrare nel dettaglio delle indicazioni del decreto, e cercando sintetizzare, rileviamo che, nel 2014 il bonus sarà complessivamente di 640 euro, cioè 80 euro tondi al mese, per tutti i lavoratori dipendenti e collaboratori co.co.co. e co.co.pro. con un reddito complessivo annuo lordo fra 8.000 e 24.000 euro. Il bonus si farà via via più ridotto fino ai 26.000 euro lordi. Per i contribuenti oltre questa soglia di reddito non ci sarà nessun beneficio fiscale.

Ma se ci si trova nella condizione in cui il reddito complessivo
è di 24-26.000 euro, o superiore?

In questi casi, se l’impianto normativo dovesse essere confermato, per i lavoratori dipendenti iscritti ad un fondo pensione è possibile rientrare entro le soglie suddette, proprio grazie alla deducibilità dei versamenti effettuati al fondo stesso tramite busta paga. Se consideriamo il limite massimo di deducibilità (5.164,57 €), il dipendente iscritto a Solidarietà Veneto ha la possibilità di rientrare nei limiti previsti per ottenere il bonus anche se ha un reddito lordo di 31.164,57 € (31.164,54 € – 5.164,57 € = 26.000 €).

Vediamo un esempio

Luca, dipendente iscritto a Solidarietà Veneto, dichiara un reddito lordo di poco superiore ai 26.000 €, che non gli consente di beneficiare del bonus. Luca, però, decide di risparmiare e versare nel suo fondo pensione 2.000 €. Per effetto della deducibilità, il suo reddito imponibile passa da 26.000 a 24.000 € rientrando nei limiti per ottenere il bonus “per intero”.

Unendo lo “sconto fiscale” derivante dalla deducibilità fiscale con il “bonus intero” previsto dal decreto 66/2014, per Luca la situazione a fine 2014 sarebbe la seguente:

Ecco che il vantaggio fiscale viene amplificato dalla possibilità di fruire del bonus “degli 80 Euro”. Una scelta, quella del legislatore, che, coerentemente, non penalizza chi sceglie di ridurre le proprie entrate immediate, trasferire parte del proprio reddito al “futuro”, e quindi alla pensione complementare. Luca, nell’esempio, ha risparmiato 250 al mese per 8 mesi ma non ha visto ridursi la propria busta paga di 250 € ogni volta: la riduzione è stata inferiore a 100 € al mese. La differenza è stata colmata dalla minor tassazione (deducibilità 71 € + bonus 80 €).

Il decreto 66/2014 conferma: il fondo pensione
oltre ad essere un pilastro essenziale per programmare un futuro sereno,
è il miglior sistema per risparmiare da subito sulle imposte che gravano sul reddito

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

LE PRESTAZIONI DEL FONDO PENSIONE:
LE ANTICIPAZIONI PER SPESE MEDICHE

Il fondo pensione è un solido strumento per costruire la propria serenità previdenziale, ma solidità non è sempre sinonimo di rigidità: la flessibilità offerta dagli anticipi può adattarsi alle diverse necessità, anche nei momenti più difficili. In questo approfondimento tratteremo il tema delle anticipazioni per “spese mediche” che risultano interessanti sotto più punti di vista.

Febbraio 2024: Allegro ma non troppo

Una sintesi “musicale”, per un mese nel quale tutti i comparti appaiono intonati positivamente, anche se con tinte differenti a seconda dei casi. Ancora una volta a guidare l’avanzamento sono i mercati azionari, capaci di inanellare una serie di record e di sfiorare, se non addirittura superare, i massimi di fine 2021. Nonostante le minacce

Disponibile il “Prospetto delle prestazioni pensionistiche 2023”

Disponibile oggi il “PROSPETTO DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE – FASE DI ACCUMULO” per tutti gli iscritti attivi al 31/12/2023 e con posizione superiore a € 100 ed almeno un versamento nell’anno precedente. Il documento è consultabile dalla sezione “I tuoi documenti” dell’area Area Iscritti. Per maggiori informazioni, rimandiamo all’articolo dedicato PROSPETTO DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE: DI COSA

Torna in alto