Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Approfondimenti

Chi si occupa degli investimenti del fondo pensione?

Facebook
Twitter
LinkedIn

La gestione patrimoniale delle risorse è prevalentemente affidata, a seguito di specifico mandato di gestione, a soggetti terzi abilitati, ai sensi della normativa vigente, a svolgere tale attività.

I soggetti gestori sono individuati, nel rispetto delle modalità e delle procedure previste dalle disposizioni in materia, attraverso bando di gara pubblico. Al fine di mettere a conoscenza il maggior numero possibile di operatori, l’avvio del bando deve essere reso noto tramite specifica notizia, da pubblicare su almeno due giornali tra quelli a maggiore diffusione nazionale o internazionale.

Ai gestori interessati, verrà sottoposto un questionario da utilizzarsi per la raccolta delle informazioni e per facilitare la valutazione dei candidati.

La selezione del gestore



Il modello per la selezione del gestore stabilito dalla normativa e dalla indicazioni fornite dalla Covip (delibera 09/12/1999), ha lo scopo di garantire la trasparenza del procedimento e la coerenza tra obiettivi gestionali e i criteri di valutazione dei gestori.

La selezione del gestore è un processo complesso che tiene conto di molteplici fattori. Tra questi, ovviamente, rientra la valutazione delle commissioni di gestione.

L’analisi del costo, però, non è l’unico criterio di osservazione. Il gestore verrà valutato anche in termini di solidità patrimoniale, organizzazione, capacità di offrire servizi coerenti con le linee di investimento definite, esperienza sui mercati finanziari.

Tutti i fattori identificati durante il procedimento di selezione, sono misurati secondo criteri oggettivi (quindi misurabili e confrontabili) e l’assegnazione dei mandati ai gestori finanziari avviene secondo una procedura vigilata e regolamentata dalla Covip che può richiedere in ogni momento ulteriori documenti relativi alla selezione in corso.

Gli obiettivi e le linee guida dell’investimento (asset allocation), oggetto del mandato di gestione, sono definite dal Consiglio di Amministrazione del fondo pensione. Su tali basi vengono stabiliti i limiti di investimento e il benchmark cui il gestore selezionato dovrà attenersi.

Il mandato ha sempre durata limitata; alla scadenza il fondo potrà valutare la conferma del mandato o l’avvio di un nuovo procedimento di selezione. Al fondo, è comunque riconosciuta sempre la possibilità di cambiare gestore; ciò rappresenta un forte stimolo per quest’ultimo ad operare efficacemente, al fine di non vedere rimesso il suo mandato.

La gestione diretta



Una parte della risorse può essere gestita anche in via “diretta” dal fondo pensione. In questo caso, l’attività di selezione si focalizza sull’oggetto dell’investimento (tipicamente un fondo d’investimento) e non più sul soggetto incaricato alla gestione.

Il fondo pensione che voglia avviare una gestione diretta, quindi, dovrà necessariamente dotarsi di un’adeguata struttura interna in grado di garantire un monitoraggio costante dell’andamento e una verifica continua del rispetto della normativa, nonché delle disposizioni Statutarie.

Il ruolo della Banca Depositaria



La banca depositaria, eseguendo le istruzioni impartite dai gestori finanziari nell’ambito dei mandati assegnati, ne verifica la compatibilità ai limiti stabiliti dalla legge, dallo statuto e dalle singole convenzioni di gestione sottoscritte.


Anche la scelta della banca depositaria, avviene attraverso una pubblica gara, con le stesse modalità indicate nel caso di selezione dei gestori finanziari.

CERCHI RISPOSTA AD UNA DOMANDA?
Scivici una mail o lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti maggio 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto