Chi si occupa degli investimenti del fondo pensione?

La gestione patrimoniale delle risorse è prevalentemente affidata, a seguito di specifico mandato di gestione, a soggetti terzi abilitati, ai sensi della normativa vigente, a svolgere tale attività.

I soggetti gestori sono individuati, nel rispetto delle modalità e delle procedure previste dalle disposizioni in materia, attraverso bando di gara pubblico. Al fine di mettere a conoscenza il maggior numero possibile di operatori, l’avvio del bando deve essere reso noto tramite specifica notizia, da pubblicare su almeno due giornali tra quelli a maggiore diffusione nazionale o internazionale.

Ai gestori interessati, verrà sottoposto un questionario da utilizzarsi per la raccolta delle informazioni e per facilitare la valutazione dei candidati.

La selezione del gestore



Il modello per la selezione del gestore stabilito dalla normativa e dalla indicazioni fornite dalla Covip (delibera 09/12/1999), ha lo scopo di garantire la trasparenza del procedimento e la coerenza tra obiettivi gestionali e i criteri di valutazione dei gestori.

La selezione del gestore è un processo complesso che tiene conto di molteplici fattori. Tra questi, ovviamente, rientra la valutazione delle commissioni di gestione.

L’analisi del costo, però, non è l’unico criterio di osservazione. Il gestore verrà valutato anche in termini di solidità patrimoniale, organizzazione, capacità di offrire servizi coerenti con le linee di investimento definite, esperienza sui mercati finanziari.

Tutti i fattori identificati durante il procedimento di selezione, sono misurati secondo criteri oggettivi (quindi misurabili e confrontabili) e l’assegnazione dei mandati ai gestori finanziari avviene secondo una procedura vigilata e regolamentata dalla Covip che può richiedere in ogni momento ulteriori documenti relativi alla selezione in corso.

Gli obiettivi e le linee guida dell’investimento (asset allocation), oggetto del mandato di gestione, sono definite dal Consiglio di Amministrazione del fondo pensione. Su tali basi vengono stabiliti i limiti di investimento e il benchmark cui il gestore selezionato dovrà attenersi.

Il mandato ha sempre durata limitata; alla scadenza il fondo potrà valutare la conferma del mandato o l’avvio di un nuovo procedimento di selezione. Al fondo, è comunque riconosciuta sempre la possibilità di cambiare gestore; ciò rappresenta un forte stimolo per quest’ultimo ad operare efficacemente, al fine di non vedere rimesso il suo mandato.

La gestione diretta



Una parte della risorse può essere gestita anche in via “diretta” dal fondo pensione. In questo caso, l’attività di selezione si focalizza sull’oggetto dell’investimento (tipicamente un fondo d’investimento) e non più sul soggetto incaricato alla gestione.

Il fondo pensione che voglia avviare una gestione diretta, quindi, dovrà necessariamente dotarsi di un’adeguata struttura interna in grado di garantire un monitoraggio costante dell’andamento e una verifica continua del rispetto della normativa, nonché delle disposizioni Statutarie.

Il ruolo della Banca Depositaria



La banca depositaria, eseguendo le istruzioni impartite dai gestori finanziari nell’ambito dei mandati assegnati, ne verifica la compatibilità ai limiti stabiliti dalla legge, dallo statuto e dalle singole convenzioni di gestione sottoscritte.


Anche la scelta della banca depositaria, avviene attraverso una pubblica gara, con le stesse modalità indicate nel caso di selezione dei gestori finanziari.

CERCHI RISPOSTA AD UNA DOMANDA?
Scivici una mail o lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su