Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Normativa

CdA: eletto un nuovo consigliere

Facebook
Twitter
LinkedIn

I delegati dell’Assemblea, in rappresentanza dei lavoratori, dopo aver sentito il candidato ed esaminato i requisiti di professionalità necessari, a seguito di regolare votazione, hanno eletto: Pietro Scomparin, segretario generale Fai – Cisl Venezia.

Per Scomparin si tratta di un ritorno: «È la seconda volta e per me, ma continua ad essere elemento di orgoglio perché Solidarietà Veneto è il nostro Fondo Pensione, è vicino a noi ogni giorno nei posti di lavoro e nelle sedi di tutto il Veneto».

Il neo consigliere ha poi proseguito: «Voglio esprimere un sincero ringraziamento all’assemblea del fondo per la fiducia che mi ha dato. Assumo questo ruolo a titolo assolutamente gratuito, senza percepire compensi, come tutti gli altri consiglieri, in questo modo potremo mantenere competitivi i costi di gestione. Credo che l’interesse dei lavoratori per Solidarietà Veneto non possa che aumentare: noi siamo vicini agli utenti che possono parlare direttamente con la rete di persone che siamo riusciti a costruire nel territorio. Tutto questo crea fiducia, indispensabile per la crescita in tutti i campi».

«La previdenza complementare – prosegue Scomparin – è una grande opportunità, va colta immediatamente quale unico strumento per bilanciare la grande riduzione che è intervenuta negli anni alla copertura delle pensioni pubbliche. Il risparmio inoltre è un valore in sè e discende dall’insegnamento delle formiche che, al contrario delle cicale, pensa al futuro».

«Solidarietà Veneto pensa dunque al futuro – ha concluso – ma pure al territorio attribuendo una quota di capitale le realtà produttive che si vogliono sviluppare e che presentano tutte le garanzie di solvibilità. Per cui chi si iscrive a Solidarietà Veneto, non solo fa bene a se stesso ma pure allo sviluppo della nostra economia veneta».

La Presidenza, tutto il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Sindaci, i delegati dell’Assemblea e lo staff di Solidarietà Veneto augurano un buon lavoro al consigliere Scomparin; le sue competenze professionali conferiranno un importante apporto all’attività di amministrazione del fondo pensione contrattuale territoriale del Veneto. Si esprime, infine, un sentito ringraziamento al consigliere uscente Rota per il lavoro svolto durante il loro mandato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…
L’ASSEMBLEA DEI DELEGATI APPROVA IL BILANCIO 2014
I RENDIMENTI DI MARZO 2015
TFR E FONDI PENSIONE: LA TASSAZIONE SUI RENDIMENTI
TFR IN BUSTA: SI O NO?
INVESTIMENTO NELLE PMI: PRIMA VOLTA PER UN FONDO PENSIONE

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti maggio 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto