Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

Calcolo pensione: i nuovi coefficienti 2016-2018

Facebook
Twitter
LinkedIn

Con il sistema contributivo, per calcolare l’importo della pensione, è sufficiente moltiplicare il totale dei contributi versati durante la propria carriera per il coefficiente relativo all’età del lavoratore alla data di decorrenza della pensione.

I coefficienti di trasformazione sono dunque valori che “traducono” in pensione annua il montante contributivo accumulato dal lavoratore.


Tali coefficienti sono stati aggiornati, sulla base all’andamento della speranza di vita nel nostro Paese, lo scorso 1° gennaio 2016 ; prosegue così il lento abbassamento dei coefficienti stessi (e, quindi, dell’importo delle pensioni) iniziato alla prima revisione del 2010 (vedi tabella).

Gli impatti sull’importo della pensione



Considerando il pensionamento a 65 anni, ultimo dato utile per un confronto, l’effetto sull’importo della pensione è evidente.

A fronte di un ipotetico montante contributivo finale rivalutato pari a 300.000 euro, la pensione lorda erogata ad un lavoratore a 65 anni d’età si è così modificata:

  • fino al 2009: 300.000 x 6,136% = 18.408 € annui, 1.416 € al mese
  • fino al 2012: 300.000 x 5,620% = 16.860 € annui, 1.297 € al mese
  • fino al 2015: 300.000 x 5,435% = 16.305 € annui, 1.254 € al mese
  • fino al 2018: 300.000 x 5,326% = 15.978 € annui, 1.229 € al mese

Pianificare, adesso



Il prossimo adeguamento è già fissato per il 2019, con una novità: da quella data in poi gli aggiornamenti saranno biennali, esattamente come accade per la speranza di vita.

In un contesto come questo, considerando anche l’iniziativa “La mia pensione” inaugurata dall’INPS e le discussioni sulla “flessibilità in uscita“, non c’è tempo per abbandonarsi allo sconforto.

È più che mai opportuno dedicare, da subito, una piccola fetta del proprio tempo per:

  • reperire tutte le informazioni utili riguardo il proprio orizzonte previdenziale,
  • fissare i propri obiettivi per il futuro,
  • tracciare, con l’ausilio di un partner fidato, il percorso per raggiungerli.

Allora, visto che siamo all’inizio di un nuovo anno, tra i nuovi propositi inseriamo: “pianificare la mia pensione“. Perché, si sa, avendo una mappa è più facile raggiungere la meta.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
BOERI: TRENTENNI A RISCHIO POVERTÀ
BUSTA ARANCIONE: PARTENZA IN SALITA
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti maggio 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto