Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Previdenza

Busta arancione: partenza in salita

Facebook
Twitter
LinkedIn

Non ci sono i soldi per i francobolli, niente busta arancione. E l’attesa continua.

Ieri il presidente INPS, Tito Boeri, ha annunciato: «ne manderemo solo una piccola parte, ne spediremo circa 150mila, entro Natale, perché non ci è stata data l’autorizzazione dai ministeri per superare il vincolo di spesa, quella per le spedizioni è contingentata».

Auspicando poi che «in legge di Stabilità possa essere sbloccata la spesa», così «da inviare il grosso delle buste arancioni» subito dopo.

«È da aprile che abbiamo chiesto al governo l’autorizzazione di poter superare il vincolo di spesa per poter inviare a casa anche a chi non ha il pin la busta arancione», aveva detto sempre Boeri qualche giorno fa mettendo, forse, le mani avanti.

La spedizione, infatti, si sarebbe potuta finanziare «senza oneri aggiuntivi per lo Stato ma attraverso altri capitoli di spesa del nostro bilancio».

Ma non è andata così; «è un vero peccato perché sarebbe stato molto importante per noi farlo quest’anno», ha concluso il numero uno dell’Istituto di previdenza.

La via più facile per stimare oggi la pensione futura rimane quella on-line. Chi si è registrato al sito www.inps.it e ha ricevuto a casa la busta che contiene le 8 cifre che compongono il pin di 16 caratteri, può accedere liberamente alla simulazione e, volendo, personalizzarne alcuni parametri.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
LA BUSTA ARANCIONE È IN SPEDIZIONE
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
BOERI: È L’ORA DELLA TRASPARENZA, BASTA CON L’IGNAVIA DI STATO
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI, RENZI: ALLO STUDIO RIFORMA, CON NUOVI PALETTI
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su