Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Novità

Burocrazia? No, grazie.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Dopo la “cessazione on line” ed il “cambio azienda on line”, arriva l’“adesione on line”.

1990 – 2020. 30 anni di Solidarietà Veneto; 30 anni costantemente caratterizzati dal desiderio di semplificare, ove possibile, le attività amministrative. Lo ha sottolineato anche Paolo Stefan – Direttore del Fondo – in occasione dell’evento organizzato lo scorso 3 febbraio per festeggiare questo importante anniversario.
Dunque… Stop alla burocrazia!
E se la tecnologia ci può aiutare, ben venga, nell’obiettivo del “fondo 4.0”, attraverso una sfida quotidiana che ci vede ingaggiati a tutte le altez

Gli sviluppi: a beneficio dei lavoratori iscritti e delle aziende associate

Negli ultimi anni abbiamo introdotto la comunicazione periodica online, l’area riservata, la app: tanta la strada fatta a beneficio dei lavoratori; parallelamente però ci sono le aziende associate, con le quali sussiste un dialogo praticamente quotidiano. Ecco allora l’esigenza di snellire il rapporto fondo – azienda, riducendo i tempi di elaborazione delle pratiche, con il vantaggio – non secondario – di neutralizzare errori e anomalie.

Cessazione e Cambio azienda on line

A beneficio delle aziende sono arrivate, negli ultimi anni, la cessazione on line (procedura web attraverso la quale comunicare la conclusione del rapporto di lavoro) ed il cambio azienda on line (che da modo alle aziende di attivare la posizione di un lavoratore già iscritto): nuovi dispositivi che ci permettono tra l’altro di ridurre le compilazioni cartacee. E adesso? Quali i prossimi passi?

L'adesione on line

La novità del 2020, sollecitata dalla stessa Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione, è la nuova adesione online. Sono migliaia le adesioni che ogni anno vengono raccolte dagli uffici del personale ed è per questo che abbiamo deciso di semplificare questa fase. Ci aspettiamo una riduzione degli errori di trascrizione e un incremento di rapidità esecutiva: una volta che l’azienda avrà spedito al fondo il modulo (generato dalla procedura e firmato dal lavoratore), l’adesione sarà completa e già abbinata all’azienda, senza necessità di attendere altro tempo. Una novità propedeutica alla attivazione della firma grafometrica, alla quale stiamo lavorando in queste settimane. Questo ulteriore step, quando disponibile, renderà del tutto inutile la stampa del modulo. Guarda il video tutorial

La nuova funzionalità, accompagnata al vademecum per la raccolta delle adesioni, vuole essere un aiuto concreto agli uffici amministrativi delle aziende.
Provatela e dateci il vostro feedback scrivendo a sviluppi@solidarietaveneto.it. I suggerimenti degli associati (lavoratori ed aziende) sono preziosissimi per il fondo: non fateli mancare!

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

RENDIMENTI MAGGIO 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto