Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

Boeri: puntiamo a equità e trasparenza

Facebook
Twitter
LinkedIn

L’equità



L’equità è al centro della nuova Inps targata Tito Boeri. “Non per cassa, ma per equità” è infatti il titolo del titolo del documento predisposto dell’Inps per riformare il sistema previdenziale italiano, consegnato lo scorso anno al Governo.

Per raggiungere l’equità «proponiamo di intervenire sulle pensioni elevate il cui importo non è giustificato dai contributi versati».

«Non vogliamo tagliare indiscriminatamente le pensioni – precisa – semplicemente ricalcolare le rendite tenendo conto dei versamenti effettuati nell’arco della loro vita lavorativa. Ci sono casi davvero abnormi che andrebbero sanati».

E, poi, la proposta: «faccio una proposta ai politici: ci dicano quanto hanno versato in contributi quando erano in Parlamento o nei Consigli Regionali».

Calcoleremo la pensione che spetterebbe loro – incalza – in base alle regole oggi applicate a tutti gli altri contribuenti. Nel caso non ci fossero differenze con quanto ricevono, saremo i primi a riconoscerlo e a rallegrarcene».

Pensione proporzionata ai contributi, per tutti: utopia o obiettivo raggiungibile?

La trasparenza



Nell’attuale sistema, ha evidenziato lo stesso Presidente Inps, esistono dei «retaggi del passato che permettevano ad alcune categorie di avere condizioni quanto a livello delle prestazioni e requisiti di pensionamento particolarmente vantaggiose».

Da queste considerazioni è partita “l’operazione trasparenza”: «abbiamo voluto che tutti sapessero quali sono le attuali asimmetrie di trattamento garantite dal sistema previdenziale – ha spiegato Boeri – a seguito di leggi introdotte magari prima di qualche tornata elettorale per garantirsi qualche voto in più».

Con Inps a porte aperte «Abbiamo mostrato di quanto questi trattamenti si discostano dai contributi versati nel corso della vita lavorativa – ha proseguito – Abbiamo documentato come molte casse pensionistiche private siano confluite nell’Inps quando ormai avevano bruciato il loro patrimonio, finendo così per gravare sugli altri contribuenti».

Anche l’iniziativa “La mia pensione” fonda le sue radici sulla trasparenza: fornire ai cittadini una stima sulla data del pensionamento e sull’importo della pensione futura per dar loro una «consapevolezza previdenziale che oggi non hanno».

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
PENSIONI? FLESSIBILITÀ IN USCITA TRA TRE MESI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
PENSIONI INPS: FLESSIBILITÀ IN ARRIVO?
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

49^ ASSEMBLEA DI SOLIDARIETA’ VENETO: APPROVATO BILANCIO 2023

Lunedì 6 maggio 2024 si è svolta la 49^ Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, fondo pensione regionale, dedicata all’approvazione del Bilancio 2023 e all’elezione di un nuovo membro del Consiglio di amministrazione: si tratta di Stefano Bacchi, eletto in rappresentanza dei lavoratori. L’evento ha visto la convocazione dei 200 delegati dell’Assemblea e la partecipazione

Rendimenti 1° trimestre 2024: col vento in poppa.

Si chiude un trimestre molto positivo per la gestione finanziaria di Solidarietà Veneto: tre mesi – che diventano cinque se li affianchiamo al rush finale del 2023 – durante i quali il “segno meno” non ha mai fatto breccia in nessuno dei quattro comparti del Fondo. Per una gestione finanziaria come quella di Solidarietà Veneto,

Avviso: problemi alla linea telefonica – 18 aprile 2024

Avvisiamo che, nella giornata di oggi, 18 aprile 2024, le linee telefoniche della sede centrale del Fondo potrebbero essere momentaneamente irraggiungibili dalle ore 16.00 alle ore 18.00 per manutenzione tecnica. Nel frattempo, lo Staff di Solidarietà Veneto rimane a completa disposizione ai consueti indirizzi di riferimento. protocollo@solidarietaveneto.it (per l’invio di mail contenenti allegati) gestione@solidarietaveneto.it (per

Torna in alto