Boeri: puntiamo a equità e trasparenza

L’equità



L’equità è al centro della nuova Inps targata Tito Boeri. “Non per cassa, ma per equità” è infatti il titolo del titolo del documento predisposto dell’Inps per riformare il sistema previdenziale italiano, consegnato lo scorso anno al Governo.

Per raggiungere l’equità «proponiamo di intervenire sulle pensioni elevate il cui importo non è giustificato dai contributi versati».

«Non vogliamo tagliare indiscriminatamente le pensioni – precisa – semplicemente ricalcolare le rendite tenendo conto dei versamenti effettuati nell’arco della loro vita lavorativa. Ci sono casi davvero abnormi che andrebbero sanati».

E, poi, la proposta: «faccio una proposta ai politici: ci dicano quanto hanno versato in contributi quando erano in Parlamento o nei Consigli Regionali».

Calcoleremo la pensione che spetterebbe loro – incalza – in base alle regole oggi applicate a tutti gli altri contribuenti. Nel caso non ci fossero differenze con quanto ricevono, saremo i primi a riconoscerlo e a rallegrarcene».

Pensione proporzionata ai contributi, per tutti: utopia o obiettivo raggiungibile?

La trasparenza



Nell’attuale sistema, ha evidenziato lo stesso Presidente Inps, esistono dei «retaggi del passato che permettevano ad alcune categorie di avere condizioni quanto a livello delle prestazioni e requisiti di pensionamento particolarmente vantaggiose».

Da queste considerazioni è partita “l’operazione trasparenza”: «abbiamo voluto che tutti sapessero quali sono le attuali asimmetrie di trattamento garantite dal sistema previdenziale – ha spiegato Boeri – a seguito di leggi introdotte magari prima di qualche tornata elettorale per garantirsi qualche voto in più».

Con Inps a porte aperte «Abbiamo mostrato di quanto questi trattamenti si discostano dai contributi versati nel corso della vita lavorativa – ha proseguito – Abbiamo documentato come molte casse pensionistiche private siano confluite nell’Inps quando ormai avevano bruciato il loro patrimonio, finendo così per gravare sugli altri contribuenti».

Anche l’iniziativa “La mia pensione” fonda le sue radici sulla trasparenza: fornire ai cittadini una stima sulla data del pensionamento e sull’importo della pensione futura per dar loro una «consapevolezza previdenziale che oggi non hanno».

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
PENSIONI? FLESSIBILITÀ IN USCITA TRA TRE MESI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
PENSIONI INPS: FLESSIBILITÀ IN ARRIVO?
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su