Previdenza

Benvenuta Giulia!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ciao Gezim, come mai hai deciso di iscrivere la piccola Giulia sin dai primi mesi di vita?
Perché ho voluto il primato per mia figlia! Scherzi a parte, siccome attualmente ci sono sempre meno certezze per il futuro, il fondo è un’opportunità da sfruttare per noi e per nostra figlia mettendo le basi già da ora una futura pensione integrativa.

E tu da quando sei iscritto a Solidarietà Veneto?
Da Gennaio 2008, cioè da quando ho iniziato a lavorare nell’’Azienda di cui sono dipendente la Alf Uno di Francenigo di Gaiarine in provincia di Treviso.

Perché ti sei iscritto al fondo pensione?
Seguendo il ragionamento fatto dalla Filca Cisl in Azienda e vedendo che altri colleghi erano già iscritti da anni, ho capito la sua importanza e la sua convenienza. Ho convinto altri miei colleghi a fare altrettanto per loro e i loro familiari. Per questo, quando è nata Giulia, mi è venuto naturale iscriverla.

Torniamo alla vera protagonista, Giulia.
Quali obiettivi ti sei posto per costruire il suo risparmio previdenziale?
L’obiettivo iniziale è stato di iscriverla. Fatto il primo passo, credo il più difficile come sto notando anche da altri miei colleghi, è quello di avere un po’ di costanza nei versamenti, situazione economica permettendo. Gli anni passano velocemente per tutti e avere seminato una “pianta” mi rende più ottimista per il futuro di Giulia.

Adesso è molto presto, ma quando diventerà un po’ più grande, come le spiegherai il funzionamento del suo fondo pensione?
Inizialmente le spiegherò la storia della Formica e della Cicala. Continuerò con spiegarle che uomini e donne lungimiranti già nei primi anni 90 del secolo scorso osavano pensare e fare cose incredibili, che oggi sembrano ovvie. Poi arriverò al senso della capitalizzazione, con la speranza che un domani sia lei a spiegarlo a me. Non dimenticherò di dirle che dietro il successo del fondo c’ è un grande lavoro fatto anche dalle assemblee di fabbrica, per chiarirne i meccanismi e il funzionamento.

Cosa significa per te, il risparmio?
Per trovare la definizione corretta della parola risparmio ho riaperto il mio vecchio vocabolario cartaceo di 1500 pagine e lì tra le versioni date dall’autore ho trovato anche quella che fa al mio caso: limitazione dell’uso e del consumo, quantità di denaro messo da parte, rinuncia di consumare una parte del reddito, accantonare piano e con sacrificio piccole somme di denaro.

Che dire… da questa chiacchierata abbiamo imparato più cose noi…la famiglia, l’insegnamento attraverso l’esempio, il risparmio. Grazie Gezim.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
ARRIVA IL CONCORSO “SECONDO ME IL NATALE È…”
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
RIPENSIAMO IL RISPARMIO
ISTAT: L’ITALIA CONTINUA AD INVECCHIARE
GLI ITALIANI TEMONO IL RISCHIO NON AUTOSUFFICIENZA
PENSIONE: SONO PESSIMISTA, MA NON SO PERCHÉ
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su