Belluno: 2 nuovi Sportelli Informativi nel Cadore

Diventano 6 gli Sportelli Informativi di Solidarietà Veneto nella provincia di Belluno. Dopo quelli di Belluno, Feltre, Pieve d’Alpago (località Paludi) e Sedico, dal mese di giugno saranno attivi anche a Pieve di Cadore e Santo Stefano di Cadore.

Ecco i dettagli dei nuovi Sportelli.

Pieve di Cadore



Quando: tutti i martedì dalle 15 alle 18
Dove: in Piazza Tiziano 8, presso la sede Cisl, al primo piano sopra i portici
Informazioni: per informazioni e appuntamenti contattare lo 0437-212811

Santo Stefano di Cadore



Quando: tutti i venerdì dalle 9 alle 12
Dove: in via Udine 60 presso la sede Cisl, che trova posto nella nota sede della “Regola”

Novità: appuntamento on-line



Per gli altri Sportelli attivi nella provincia bellunese, dal mese di giugno sarà attivo anche il servizio di prenotazione degli appuntamenti direttamente dal nostro sito web.

Potrai fissare il tuo appuntamento con pochi, semplicissimi passaggi, evitando inutili attese e permettendoci di fornirti un servizio sempre migliore.

Ecco come funziona il servizio:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su