Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

Baretta: al lavoro per la flessibilità

Facebook
Twitter
LinkedIn

La flessibilità in uscita si conferma “tema del giorno”. Dopo le dichiarazioni del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Nannicini, tocca a Pierpaolo Baretta.

In un’intervista a “Il Sole 24 Ore”, il sottosegretario all’economia ha riconosciuto che la Riforma Fornero, nonostante abbia consentito un «passo in avanti per stabilità dei conti», ha introdotto «una eccessiva rigidità in uscita dal mondo del lavoro».

Di conseguenza, l’introduzione della flessibilità in uscita «può consentire di mantenere l’impianto della Fornero, ma anche una maggiore agibilità per chi sta arrivando alla pensione», sostiene Baretta.

«Palazzo Chigi non è contrario, ma evidenziato alcune criticità – ha proseguito – Per questo è necessario lavorare da qui alla prossima Stabilità per risolvere anche i problemi di copertura finanziaria. La loro valutazione dipende dal tipo di soluzione che si adotterà».

Sul tema “costi” del provvedimento interviene anche Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera: «la nostra proposta di uscita anticipata di massimo 4 anni, con una penalizzazione del 2% per ogni anno di anticipo, ha un costo che può essere coperto nei 20 anni successivi ai 66 anni, quando l’assegno sarà più basso».

Alla domanda se il 2016 sarà l’anno buono per la flessibilità, Baretta ha risposto così: «me lo auguro, anche perché se ne sente il bisogno anche dal punto di vista industriale, per agevolare il ricambio generazionale».

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
PENSIONI? FLESSIBILITÀ IN USCITA TRA TRE MESI
FORNERO: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA, CON TAGLI DEL 3,5%
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
PENSIONI INPS: FLESSIBILITÀ IN ARRIVO?
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

RENDIMENTI MAGGIO 2024

Se apprezzate le citazioni, potremmo definire il mese di maggio “radioso”, per i quattro comparti di Solidarietà Veneto. Merito dei mercati, complessivamente positivi, ma anche di una gestione efficace. Sì, è l’anno delle elezioni e, storicamente, questo dovrebbe causare incertezza nei sistemi economici e nella finanza. Tuttavia, le turbolenze elettorali questa volta sembrano non interessare

Come i fondi pensione resistono alle crisi finanziarie?

Le crisi finanziarie, spesso innescate da eventi globali imprevedibili, portano con sé ondate di perdite economiche e un generale calo della fiducia negli investimenti. Cosa accade a un fondo pensione come Solidarietà Veneto in questi momenti di incertezza? Resiste, mantenendo la fiducia delle persone aderenti.Capiamo perché. Una prospettiva di lungo periodo Uno degli elementi chiave

Giovani in pensione a 74 anni e con assegni bassi : lo studio

Il tema delle pensioni e quello più ampio legato al mondo del lavoro sono costantemente discussi da politici, rappresentanti di categoria, studiosi e giornalisti: ne parlano, fanno promesse irrealistiche, interpretano i dati come più conviene. In queste discussioni, mancano sempre i veri protagonisti: le giovani generazioni, che si trovano ad affrontare quotidianamente sfide come la

Torna in alto