Assemblea Straordinaria 2012

La nuova versione dello statuto è ora al vaglio della Commissione di Vigilanza per l’approvazione definitiva a partire dalla data della quale le modifiche avranno efficacia.
Tre le modifiche approvate, scaturite dal confronto, frequente e costante, con i lavoratori e dalla contrattazione territoriale. Vediamole in sintesi:

Uncem

Il Contratto integrativo regionale di lavoro per gli addetti ad attività di sistemazione idraulico – forestale ed idraulico – agraria per la Regione del Veneto (UNCEM), stipulato lo scorso 27 giugno, prevede la possibilità di adesione, per questa categoria di lavoratori, alternativamente al fondo nazionale o al fondo pensione regionale contrattuale. Per poter consentire l’accesso a tali lavoratori si è provveduto a recepire l’accordo nello Statuto. A valle dell’approvazione da parte di Covip, seguirà il conseguente aggiornamento di tutta la documentazione (Nota Informativa e modulistica) necessaria al potenziale aderente.

Regime delle spese

Nell’ambito di una maggior ottimizzazione dei costi applicabili alle diverse tipologie di lavoratori che possono aderire al fondo regionale, l’Assemblea ha inserito, nello Statuto, la possibilità per il Consiglio di Amministrazione di valutare differenti regimi di spesa in determinate casistiche.

Riscatto immediato parziale

L’orientamento Covip del 29/03/2012 ha confermato che i fondi pensione possono prevedere l’introduzione di una ulteriore fattispecie di “riscatto immediato” che preveda la possibilità per l’associato di richiedere, alla perdita dei requisiti di partecipazione al Fondo (tipicamente alla cessazione del rapporto di lavoro), una quota percentuale del montante maturato e non esclusivamente il 100%.
L’Assemblea ha quindi provveduto introdurre la casistica “Riscatto immediato parziale”. A differenza delle altre modifiche (che entreranno in vigore dal momento in cui la Covip approverà il testo dello Statuto) quest’ultima novità è immediatamente operativa (prossimamente pubblicheremo un approfondimento sul tema).

Al termine dell’Assemblea Straordinaria vi è stata anche l’occasione per la presentazione di Finanziaria Internazionale Investments Sgr, il gestore che si è aggiudicato la gara per la gestione dell’innovativo mandato “obbligazionario corporate a vocazione territoriale”.

Da gennaio 2013, la componente obbligazionaria dei comparti Prudente, Reddito e Dinamico potrà essere diversificata attraverso la stabile destinazione del 5% del patrimonio (circa 30 milioni di euro), in strumenti obbligazionari diversi dai titoli di stato. Nel percorso condiviso con il nuovo gestore, si andranno gradualmente e ricercare e sottoscrivere obbligazioni emesse da banche operative nel territorio.

L’obiettivo del Fondo, ovvero la diversificazione del portafoglio, ha in questo progetto l’importante effetto di potersi tradurre in credito alle Pmi, artigiani e industrie della regione Veneto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su