Previdenza

Arriva la busta: «Non mi aspettavo questi dati»

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sta cominciando ad arrivare anche in Veneto la tanto attesa (o temuta?) “busta arancione”, con l’indicazione della data in cui potrà smettere di lavorare e l’importo della pensione che verrà erogata.

Qui sotto vediamo la stima che l’Inps ha inviato a Luca, operaio in un’azienda alimentare in provincia di Venezia. Lo abbiamo incontrato, per capire cosa pensa.

Luca, qual è stata la prima impressione quando hai aperto la busta?
«La prima impressione è stata che la pensione pubblica futura fosse molto alta rispetto alle mie aspettative. Oltre il 90%! Ma poi ho capito che non erano dati reali».

Perché?
«Mi sono informato prima di ricevere la busta e, anche leggendo le note riportate sotto la tabella, ho trovato la conferma che il calcolo dell’importo della pensione si basa su un incremento del PIL dell’1,5% all’anno. Una condizione che non credo si verificherà facilmente, almeno nei prossimi anni».

Oltre all’importo, nella busta è indicate l’età di pensionamento. Ti aspettavi queste date?
«Sinceramente no. Io ho iniziato a lavorare a 21 anni e nella busta mi dicono aspettare fino a 70 anni per andare in pensione, con 51 anni di contributi versati. Io faccio il manutentore meccanico, mi infilo ogni giorno nelle macchine, lavorare fino a quell’età è impensabile. Ma anche l’età prevista per la pensione anticipata (67 anni) è impossibile. In lavori come il mio senti la fatica; già adesso ho qualche acciacco, non voglio immaginare fra qualche anno. E poi io ho una convinzione».

Quale?
«Secondo me, da un certo punto di vista, mettere di fronte i lavoratori a date di pensionamento così lontane è un atto che serve per giustificare l’introduzione di altre forme di penalizzazione e di ulteriore riduzione dell’importo delle pensioni».

Cosa vorresti che succedesse?
«Io onestamente non lo so. Sento parlare di flessibilità e spero davvero che la introducano in qualche forma, per permetterci di uscire prima dal lavoro, anche con una penale. Per coprire queste penalizzazioni, avere il fondo pensione può essere fondamentale. Anche se non la pensavo così all’inizio».

Cosa intendi?
«Nel 2000, quando mi sono iscritto, non ero totalmente convinto della bontà della mia scelta perché non sapevo cosa sarebbe successo. Poi, negli anni, potendo vedere come funziona ho capito la sua utilità. Avere un fondo pensione, per me, adesso è essenziale».

I tuoi colleghi hanno ricevuto la busta? Come hanno reagito?
«In azienda, per fortuna, siamo molto informati, anche grazie alla presenza periodica del fondo. Per questo i miei colleghi hanno reagito come me, con consapevolezza. Anzi, certi l’hanno strappata e buttata via, perché erano già preparati a quello che andavano incontro. Non so come potrebbero reagire lavoratori che lavorano in azienda dove non c’è informazione».

Che consigli daresti a chi ha ricevuto o riceverà la busta arancione?
«Leggetela, non buttatela via. È comunque un’indicazione utile. Poi è importante informarsi; se non c’è la possibilità di farlo in azienda, andate a cercare informazioni nei punti più vicini a voi. Io mi sono informato prima, anche per mia cultura personale. Fidarsi ciecamente di ciò che c’è scritto nella busta è pericoloso».

L’invio delle buste è iniziato da poco, ma si registrano già le prime, importanti, reazioni: i parametri della stima, il tipo di lavoro, la flessibilità.

Ricordiamo che, per qualsiasi informazione, è possibile rivolgersi presso gli Sportelli Informativi attivi in tutta la regione. Ti aspettiamo.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
BOERI: È L’ORA DELLA TRASPARENZA, BASTA CON L’IGNAVIA DI STATO
PENSIONI: PADOAN RIAPRE IL CANTIERE
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su