Ape e Rita: ci siamo

Per quanto riguarda l’uscita anticipata dal mondo del lavoro, il disegno di legge di Bilancio introduce la possibilità (in via sperimentale) di anticipare di tre anni e sette mesi il pensionamento rispetto al requisito della pensione di vecchiaia.

  1. l’Ape (anticipo pensionistico)
  2. la Rita (Rendita Integrativa Pensionistica Anticipata)

Altra novità: eliminate le penalizzazioni previste per la pensione anticipata.

L’Ape



L’Ape sarà articolata in tre versioni: social, volontaria, aziendale. La prima è gratuita, le altre due comporteranno dei costi rispettivamente a carico del lavoratore e dell’azienda.

Il primo passaggio in Parlamento non ha comportato novità sostanziali rispetto allo schema iniziale (di cui abbiamo parlato qui). È stata però prevista l’impossibilità di cumulare la versione “social” con redditi da lavoro autonomo oltre 4.800 euro e da lavoro dipendente oltre 8.000 (inizialmente, la soglia era 8.000 euro in entrambi i casi).

La Rita



La Rita, invece, è riservata a coloro che abbiano aderito ad un fondo pensione; consentirà, infatti, di anticipare la pensione attingendo (in tutto o in parte) al capitale accumulato in un fondo pensione integrativo, ovviando, così, all’attivazione di un prestito bancario per finanziare l’uscita anticipata (e i relativi oneri).

Le cifre liquidate dal fondo pensione per “autofinanziare” la flessibilità in uscita, beneficeranno della tassazione agevolata (sulla parte versata dal 2007 in poi), come per qualsiasi altra prestazione previdenziale.

Il fondo pensione diventa così uno strumento attraverso cui progettare, in totale autonomia, l’uscita dal mondo del lavoro più adatta alle singole esigenze.

Precoci e pensione anticipata



Nel disegno di legge di bilancio, rientra il provvedimento per i lavoratori precoci: chi ha versato almeno 12 mesi di contributi prima dei 19 anni di età potrà accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contributi invece di 42 anni e 10 mesi (un anno in meno per le donne). Questa agevolazione è riservata a chi si trova nelle stesse condizioni personali previste per l’Ape “social”.

Vengono inoltre eliminate le penalizzazioni economiche (introdotte dalla Riforma Fornero e, poi, sospese fino al 2017) se si maturano i requisiti per accedere alla pensione anticipata prima di aver compiuto i 62 anni d’età.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
ACCORDO SULL’ANTICIPO PENSIONISTICO: I DETTAGLI
QUAL È LA STRADA MIGLIORE PER ANTICIPARE LA PENSIONE?
PENSIONI: FLESSIBILITÀ IN USCITA GRAZIE ALLA COMPLEMENTARE
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su