Previdenza

Al via la busta arancione (stavolta è vero)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

«Finalmente le buste arancioni arriveranno a casa degli italiani».

È così che, il 17 marzo scorso, il Presidente Inps Tito Boeri ha confermato l’invio della lettera più annunciata di ogni epoca.

Dalla metà di aprile, 7 milioni di lavoratori cominceranno a ricevere la simulazione della pensione futura.

Quale sarà la reazione di chi riceverà la busta?

La risposta arriva dallo stesso Boeri, durante un’intervista rilasciata nei giorni scorsi al Corriere della Sera: «Molte persone avranno sorprese negative. In base ai nostri campioni, circa il 60%».

Di fronte a reazioni negative era meglio non dire nulla? Il Presidente Inps è chiaro: «penso che avere questa informazione sia molto importante perché consente di pianificare il futuro».

«Non credo che gli effetti siano così negativi – ha proseguito – ciò che deprime i consumi è l’incertezza. Invece noi qui stiamo dando più informazioni».

La situazione, bloccata dallo scorso dicembre, ha subito un’accelerazione, grazie alla collaborazione tra l’Istituto di Previdenza e l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), che aggiunge al milione che già investe l’Inps, altri 2,5 milioni di euro per il 2016-2017.

Grazie a questa partnership, il progetto “La mia pensione” raggiungerà anche i lavoratori non digitalizzati (ancora una fetta piuttosto consistente del nostro Paese). Attualmente, infatti, sono 18,5 milioni i Pin Inps attivi, mentre i contribuenti sprovvisti dell’accesso digitale sono 12 milioni.

La busta arancione sarà quindi anche un invito ai lavoratori “non digitalizzati” (il 42% under 40 e 34% fra i 40 e i 50 anni, secondo i dati Inps) a munirsi di “Spid” (il Sistema unico di identità digitale), è cioè il pin unico per accedere ai servizi on line della Pubblica amministrazione.

Aprile è alle porte, non ci resta che controllare nella buca delle lettere e iniziare a pianificare il futuro previdenziale.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BUSTA ARANCIONE: PARTENZA IN SALITA
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
BOERI: È L’ORA DELLA TRASPARENZA, BASTA CON L’IGNAVIA DI STATO
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
LA BUSTA ARANCIONE È IN SPEDIZIONE
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BARETTA: AL LAVORO PER LA FLESSIBILITÀ
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
CALCOLO PENSIONE: I NUOVI COEFFICIENTI 2016-2018
2016: AUMENTA L’ETÀ PER ACCEDERE ALLA PENSIONE

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su