Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Previdenza

Agosto 2015: il “contributivo” compie vent’anni

Facebook
Twitter
LinkedIn

La legge 335/1995 è stato il più rilevante riassetto previdenziale del Dopoguerra, che si inseriva nel progetto di riordino del sistema, iniziato già nel1992.

Fu così aperto il “cantiere pensioni”; un cantiere che, dopo le recenti proposte del Presidente INPS Boeri, sembra più aperto che mai.

Molti, forse tutti, lo ricordano per l’introduzione del sistema contributivo; un evento che cambiò definitivamente gli scenari previdenziali degli italiani.

Ma la “Riforma Dini” non è solo questo.

In quella legge, infatti, furono introdotte altre importanti novità: dal “secondo pilastro” previdenziale, alla gestione separata, fino all’aumento dell’età minima per l’accesso alla pensione.

Ripercorriamo i passaggi principali di questa normativa che resta una pietra miliare per la pensione pubblica in Italia.

Nuovo metodo di calcolo: il contributivo



L’introduzione del sistema contributivo che sancì il superamento delle pensioni calcolate esclusivamente con il sistema retributivo.

Il contributivo, inizialmente, fu pensato per i lavoratori più “giovani”. Veniva applicato

  • totalmente ai lavoratori privi di qualsiasi anzianità al 31 dicembre 1995
  • pro rata a quei lavoratori con meno di diciotto anni di contributi al 1995

Per questi lavoratori, dal 1996, le pensioni cominciarono ad essere calcolate non più sulla base degli ultimi stipendi percepiti (il retributivo), ma sulla base del totale dei contributi versati durante la carriera. Gli effetti? Una drastica riduzione dell’assegno previdenziale pubblico.

La previdenza complementare



La riforma Dini ha determinato un’altra svolta nella storia della previdenza italiana attuando un nuovo sistema basato su “due pilastri“.

Il primo pilastro è rappresentato dalla previdenza obbligatoria (Inps) che assicura la pensione di base.

Il secondo pilastro è rappresentato dalla previdenza complementare che, attraverso l’adesione volontaria e collettiva alle forme pensionistiche complementari, offre la possibilità di costituirsi una “seconda pensione”.

Ecco gettate le basi su cui è stato costruito il sistema dei fondi pensione come lo conosciamo oggi.

Accesso alla pensione: si allungano i tempi



La legge introdusse una correzione delle pensioni di anzianità, inserendo (per la prima volta) un’età minima per accedervi, che si aggiungeva ai classici 35 anni di contributi (le famose “quote”, intese come somma di età e contributi).

Si iniziò, inoltre, a parlare di pensionamenti a scadenze definite (le “finestre”): una volta maturati i requisiti, si poteva accedere alla pensione di anzianità (e poi anche di vecchiaia) solo in determinati mesi dell’anno.

Abolizione dell’integrazione al minimo



La legge 335 abolì l’integrazione al trattamento minimo per le pensioni di reversibilità totalmente contributive.

In caso di decesso o di invalidità permanente, quindi, la famiglia del lavoratore riceverà una pensione il cui importo sarà calcolato esclusivamente base dei contributi versati, senza nessuna integrazione “al minimo”.

I dati diffusi dall’Inps fanno riflettere: le pensioni liquidate con le nuove regole sono state 51.000, praticamente tutte di invalidità o di reversibilità; Il loro importo medio è di 173 euro al mese. Con il “vecchio” sistema, l’importo di queste pensioni sarebbe stato di circa 500 euro al mese.

La creazione della Gestione separata



Un’altra novità fu la creazione della Gestione separata dell’Inps, finalizzata all’estensione dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, alle partite Iva, privi di una loro Cassa, nonché ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
PENSIONE: SONO PESSIMISTA, MA NON SO PERCHÉ
ISTAT: L’ITALIA CONTINUA AD INVECCHIARE
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI
PRESTAZIONI ACCESSORIE: PUBBLICATO IL BANDO DI SELEZIONE
CENSIS: IL 65% DEI GIOVANI IN PENSIONE CON MENO DI 1.000 EURO
ISTAT: A RISCHIO IL RICAMBIO GENERAZIONALE
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

49^ ASSEMBLEA DI SOLIDARIETA’ VENETO: APPROVATO BILANCIO 2023

Lunedì 6 maggio 2024 si è svolta la 49^ Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, fondo pensione regionale, dedicata all’approvazione del Bilancio 2023 e all’elezione di un nuovo membro del Consiglio di amministrazione: si tratta di Stefano Bacchi, eletto in rappresentanza dei lavoratori. L’evento ha visto la convocazione dei 200 delegati dell’Assemblea e la partecipazione

Rendimenti 1° trimestre 2024: col vento in poppa.

Si chiude un trimestre molto positivo per la gestione finanziaria di Solidarietà Veneto: tre mesi – che diventano cinque se li affianchiamo al rush finale del 2023 – durante i quali il “segno meno” non ha mai fatto breccia in nessuno dei quattro comparti del Fondo. Per una gestione finanziaria come quella di Solidarietà Veneto,

Avviso: problemi alla linea telefonica – 18 aprile 2024

Avvisiamo che, nella giornata di oggi, 18 aprile 2024, le linee telefoniche della sede centrale del Fondo potrebbero essere momentaneamente irraggiungibili dalle ore 16.00 alle ore 18.00 per manutenzione tecnica. Nel frattempo, lo Staff di Solidarietà Veneto rimane a completa disposizione ai consueti indirizzi di riferimento. protocollo@solidarietaveneto.it (per l’invio di mail contenenti allegati) gestione@solidarietaveneto.it (per

Torna in alto