Previdenza

A che età vanno in pensione gli europei?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

In Italia, per raggiungere la pensione di vecchiaia, occorre aver compiuto 66 anni e 7 mesi per gli uomini del settore pubblico e privato e per le donne del pubblico, mentre per le donne del settore privato sono necessari 65 anni e 7 mesi d’età.

Quando si va in pensione in UE?



L’Italia è seconda solo alla Grecia, dove il requisito anagrafico richiesto è pari a 67 anni, anche se nel paese ellenico, secondo lo studio pubblicato dalla Uil, sono attualmente in vigore numerose deroghe che consentono di ritirarsi con notevole anticipo (anche a 55 anni per gli uomini e 50 per le donne).

L’età più bassa è in Svezia, dove il lavoratore può decidere di accedere alla pensione compiuti i 61 anni d’età.

Se paragoniamo il requisito anagrafico del nostro Paese alla media dei paesi UE (al momento è ancora compreso il Regno Unito), si evince che per gli uomini italiani sono richiesti circa 3 anni in più.

Le donne italiane che lavorano nel settore pubblico, invece, devono attendere 3 anni e 3 mesi in più delle colleghe europee, mentre per le lavoratrici del settore privato la pensione di vecchiaia matura 2 anni e 3 mesi dopo rispetto alla media UE.

Oltre alla già citata Grecia, per le donne che operano nel settore privato, solo l’Irlanda ha un’età di pensionamento leggermente superiore a quella dell’Italia: 66 anni rispetto ai 65,7 anni.

E nel mondo?



Il confronto con i Paesi OCSE è sostanzialmente simile a quanto emerso dal contesto europeo.

In media, gli uomini dei paesi OCSE raggiungono la pensione di vecchiaia compiuti i 64,7 anni d’età, che diventano 63,5 per le donne.

Se guardiamo invece alle maggiori economie mondiali, il confronto potrebbe non essere pienamente significativo in ragione delle dinamiche demografiche, in alcuni casi, diverse da quelle che si registrano in Europa.

Guardando alla situazione delle maggiori economie mondiali, l’età di pensionamento è inferiore ai casi esaminati in precedenza, sia per gli uomini, che per le donne. In media, la pensione di vecchiaia per gli uomini si raggiunge ai 61,1 anni d’età, mentre per le donne a 58,3 anni.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
PENSIONI: FLESSIBILITÀ IN USCITA GRAZIE ALLA COMPLEMENTARE
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
ARRIVA LA BUSTA ARANCIONE: «NON MI ASPETTAVO QUESTI DATI»
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
QUAL È LA STRADA MIGLIORE PER ANTICIPARE LA PENSIONE?
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su