Avviso! L’intera struttura è impegnata nei lavori della 45ª Assemblea dei Delegati: gli uffici torneranno operativi da domani (6 maggio).

Previdenza

A che età vanno in pensione gli europei?

Facebook
Twitter
LinkedIn

In Italia, per raggiungere la pensione di vecchiaia, occorre aver compiuto 66 anni e 7 mesi per gli uomini del settore pubblico e privato e per le donne del pubblico, mentre per le donne del settore privato sono necessari 65 anni e 7 mesi d’età.

Quando si va in pensione in UE?



L’Italia è seconda solo alla Grecia, dove il requisito anagrafico richiesto è pari a 67 anni, anche se nel paese ellenico, secondo lo studio pubblicato dalla Uil, sono attualmente in vigore numerose deroghe che consentono di ritirarsi con notevole anticipo (anche a 55 anni per gli uomini e 50 per le donne).

L’età più bassa è in Svezia, dove il lavoratore può decidere di accedere alla pensione compiuti i 61 anni d’età.

Se paragoniamo il requisito anagrafico del nostro Paese alla media dei paesi UE (al momento è ancora compreso il Regno Unito), si evince che per gli uomini italiani sono richiesti circa 3 anni in più.

Le donne italiane che lavorano nel settore pubblico, invece, devono attendere 3 anni e 3 mesi in più delle colleghe europee, mentre per le lavoratrici del settore privato la pensione di vecchiaia matura 2 anni e 3 mesi dopo rispetto alla media UE.

Oltre alla già citata Grecia, per le donne che operano nel settore privato, solo l’Irlanda ha un’età di pensionamento leggermente superiore a quella dell’Italia: 66 anni rispetto ai 65,7 anni.

E nel mondo?



Il confronto con i Paesi OCSE è sostanzialmente simile a quanto emerso dal contesto europeo.

In media, gli uomini dei paesi OCSE raggiungono la pensione di vecchiaia compiuti i 64,7 anni d’età, che diventano 63,5 per le donne.

Se guardiamo invece alle maggiori economie mondiali, il confronto potrebbe non essere pienamente significativo in ragione delle dinamiche demografiche, in alcuni casi, diverse da quelle che si registrano in Europa.

Guardando alla situazione delle maggiori economie mondiali, l’età di pensionamento è inferiore ai casi esaminati in precedenza, sia per gli uomini, che per le donne. In media, la pensione di vecchiaia per gli uomini si raggiunge ai 61,1 anni d’età, mentre per le donne a 58,3 anni.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
PENSIONI: FLESSIBILITÀ IN USCITA GRAZIE ALLA COMPLEMENTARE
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
ARRIVA LA BUSTA ARANCIONE: «NON MI ASPETTAVO QUESTI DATI»
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
QUAL È LA STRADA MIGLIORE PER ANTICIPARE LA PENSIONE?
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ
BARETTA: FLESSIBILITÀ E TAGLI LEGATI AL REDDITO
RENZI: SÌ ALLA FLESSIBILITÀ IN USCITA
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Rendimenti di agosto 2022. Termina il “Sogno di una notte di mezza estate”. 

Un mese fa, cercando di “raffreddare gli animi” di fronte agli straordinari rialzi di luglio, sottolineavamo che l’economia globale, infilatasi da inizio anno in un diabolico labirinto, sembrava ancora lontana dal trovare il “filo di Arianna”. Ad agosto si ritorna con i piedi per terra.  Non vi è pace per l’investitore in questo tormentato 2022,

Cambia l’approccio degli iscritti al Fondo,
si aggiorna la strategia di investimento

Solidarietà Veneto opera a beneficio dei lavoratori della regione da oltre trent’anni. L’esperienza ci raffigura una netta differenza fra l’iscritto degli anni ’90 e quello del 2022. Da allora, inoltre, la finanza mondiale è completamente cambiata ed anche l’approccio all’investimento è chiamato ad un progressivo adeguamento. Ogni tre anni i fondi pensione sono tenuti a

Rendimenti luglio 2022.
Un “secondo semestre” che inizia con il piede giusto

Un mese fa preannunciando la stabilizzazione che già da metà giugno si cominciava ad intravvedere. Luglio è andato oltre le aspettative: il rimbalzo dei mercati è stato vigoroso ed i quattro comparti del Fondo hanno messo a segno rialzi record. Una “svolta” tutta da interpretare. Abbiamo tante volte sottolineato la necessità, nella previdenza complementare, di

Torna su