Avviso! DAL 7 MARZO 2023, cambiano le modalità di accesso all'area riservata iscritti.
Per tutti i dettagli clicca qui.

Per tutti i dettagli

Avviso! Oggi, 11 MAGGIO 2023, l’AREA ISCRITTI e l’AREA AZIENDE potrebbero registrare dei rallentamenti per interventi di manutenzione straordinaria. Dalle ore 15.00 il servizio riprenderà il corretto funzionamento..

Per tutti i dettagli
Approfondimenti

25 anni di Solidarietà Veneto: intervista a Franco Storer

Facebook
Twitter
LinkedIn

Maggiore diffusione nel mondo artigiano, per alimentare una nuova cultura previdenziale. Il Presidente Storer indica l’obiettivo per Casartigiani Veneto.

Buongiorno Presidente, come descriverebbe, con un aggettivo, il percorso di Solidarietà Veneto dal 1990 ad oggi?
Qualificante! A mio avviso l’apertura anche alle piccole aziende artigiane e ai suoi dipendenti lo ritengo un punto importante per il rilancio di Solidarietà Veneto.

Non solo per i numeri apportati dal sistema artigianale, sul quale ancora bisogna lavorare, ma per l’importanza della estensione della conoscenza della previdenza integrativa anche ad altre categorie che per molti anni non si sono mai preoccupati o interessati a questa tematica.

Quale futuro immagina per Solidarietà Veneto?
Immagino un futuro ancora ricco i opportunità che dobbiamo essere in grado di cogliere per il benessere del nostro territorio. Opportunità che le forze sociali devono far pesare anche coinvolgendo maggiormente le istituzioni.

Quale sarà il ruolo di Confindustria Veneto nei prossimi 25 anni di attività di Solidarietà Veneto?
È nostro impegno far crescere anche presso gli artigiani la cultura della previdenza integrativa se vogliono avere un futuro tranquillo per la loro vecchiaia.

Dobbiamo coinvolgere oltre ai soggetti istituzionali anche coloro che ancora oggi sono fuori dal sistema Previdenziale Integrativo Regionale , dobbiamo operare con la prospettiva di una Regione Autonoma anche nelle forme previdenziali.

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

CCNL Industria CEMENTO, CALCE, GESSO : DA LUGLIO, SALE IL CONTRIBUTO AZIENDALE

Dal 1° luglio 2024 aumenta il contributo aggiuntivo a carico azienda. Più risparmio previdenziale per i dipendenti iscritti ai fondi pensione contrattuali. Un altro settore, quello del CCNL Industria Cemento, Calce e Gesso, registra un incremento delle contribuzioni a favore della previdenza complementare dei lavoratori. Dal 1° luglio 2024, come previsto dall’accordo di rinnovo del 15/03/2022, è previsto

CCNL Industria LAPIDEI E MARMOMACCHINE : DA LUGLIO, IL CONTRIBUTO AZIENDALE SALE AL 2,90%

Dal 1° luglio, sarà in vigore la nuova aliquota contributiva stabilita nel rinnovo contrattuale sottoscritto il 24/11/2022. Importanti novità per i lavoratori del settore. Dal 1° luglio 2024, la contribuzione a carico del datore di lavoro passerà dall’attuale 2,70% al 2,90% calcolato sulla retribuzione utile al calcolo del TFR. Nulla cambia, invece, per il contributo

CCRL ARTIGIANO – COMUNICAZIONE: NUOVO CONTRIBUTO AZIENDA, NUOVA PRESTAZIONE EBAV

Da gennaio 2024, i lavoratori artigiani del comparto “comunicazione” beneficiano di un nuovo contributo riconosciuto dal datore di lavoro: arriva il “contributo contrattuale veneto”. Il recente rinnovo del CCRL Comunicazione Artigiano ha introdotto non poche novità per i lavoratori del settore. Le Parti firmatari dell’accordo, nell’intento di valorizzare il ruolo della previdenza complementare per i lavoratori

Torna in alto