Novità

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio.

Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il bacino che sarà interessato dai recenti rinnovi di CCNL e dagli aumenti di contribuzione.

I negoziati, data l’importanza dei “distretti” veneti afferenti a questi tre settori, hanno visto coinvolte anche le Parti sociali territoriali, storicamente attente al tema della previdenza complementare e in qualche caso protagoniste, fin dagli anni ’90 della “genesi” del fondo regionale.

Agli accordi siglati in quegli anni (specialmente quelli del biennio 1997-99) va ricondotto l’automatismo che rimanda direttamente al CCNL la determinazione della contribuzione dovuta agli iscritti a Solidarietà Veneto.

Sui vari casi già pervengono al Fondo le prime richieste di chiarimenti: aziende e lavoratori ci chiedono se sia necessario qualche “atto” per poter accedere alle novità. FUGHIAMO OGNI DUBBIO: gli incrementi sono immediatamente esecutivi e non sono necessari moduli o documenti, né da parte degli iscritti, né da parte delle aziende. 

CONTRATTO OCCHIALERIA – INDUSTRIA

Incominciamo con le novità più immediate: a partire dal 1° LUGLIO 2021 il contributo paritetico a carico dell’azienda e del lavoratore (ad oggi 1,50% dell’ERN – Elemento Retributivo Nazionale) sarà elevato all’1,70% dell’ERN. Tra l’altro, dalla stessa data, anche tale “base di calcolo” viene incrementata dal rinnovo

Complessivamente un lavoratore che decide di aderire a Solidarietà Veneto andrà a maturare “contributo azienda per una cifra compresa fra i € 280 -€ 485  annui. Importi a cui rinuncia (anno dopo anno) chi si iscrive ad un fondo aperto / PIP o chi mantiene il TFR in azienda.

CONTRATTO LEGNO/ARREDO – INDUSTRIA

Con il rinnovo del 2020, il CCNL Legno-Arredo introduce due novità:

  • Aumento del contributo azienda, che dal 01° gennaio 2021 è passato al 2,20% (precedentemente 2,10%) e, fra un anno (01° gennaio 2022), salirà al 2,30%. Nulla cambia, invece, per il contributo minimo a carico del lavoratore (pari al 1,30%)
  • Nel contratto è stato introdotto un versamento “una tantum” di € 100 che sarà attribuito a TUTTI I LAVORATORI DIPENDENTI a tempo indeterminato in forza al 01/07/2021, ANCHE SE NON ISCRITTI al fondo di categoria Arco o ad un fondo negoziale territoriale, come Solidarietà Veneto.

ATTENZIONE DUNQUE: PER CHI NON E’ ISCRITTO né ad Arco né a Solidarietà Veneto, il versamento verrà fatto al fondo nazionale di categoria ed il lavoratore verrà quindi iscritto automaticamente al fondo nazionale ARCO.

L’adesione obbligatoria al fondo nazionale impone una riflessione: sei sicuro del tuo futuro previdenziale? Come sarà la tua futura pensione: arriverà presto (ma sarà bassa)? Oppure… sarà “alta”, ma arriverà tardi (67-70 anni)?

Se rispetto a tale scenario sei sereno e fiducioso, non serve fare nulla: ritirerai i 100€ al licenziamento/pensione.

Se invece credi di meritare di più dal tuo futuro previdenziale, valuta l’adesione “completa” alla previdenza complementare: iscriviti entro il 30/06/2021 ed attiva le altre fonti di contribuzione (contributo azienda, contributo lavoratore, TFR).

CONTRATTO METALMECCANICO INDUSTRIA

Con il nuovo CCNL, recentemente rinnovato, a partire dal 1° GIUGNO 2022 per i lavoratori di età inferiore ai 35 anni che si iscriveranno ad un fondo pensione contrattuale, il contributo a carico dell’azienda aumenta e passa dal 2% al 2,20%.

Potranno beneficiare del contributo i giovani che si iscriveranno al Fondo nazionale di categoria “Cometa” o, come previsto dagli accordi istitutivi territoriali, a Solidarietà Veneto (o agli altri fondi negoziali territoriali quali Fondemain, operante in Valle d’Aosta e Laborfonds, attivo in Trentino – Alto Adige).

Come abbiamo potuto osservare in passato e come già abbiamo colto in queste settimane, nell’ambito della contrattazione aziendale potranno essere valutate estensioni di tale diritto dal punto di vista temporale (anticipo della decorrenza) o nel valore.

FLEXIBLE BENEFIT: confermati € 200 l’anno per l’utilizzo di servizi o di beni messi a disposizione dalle aziende. Generalmente i lavoratori sono chiamati a decidere come utilizzare questo contributo entro il 31 maggio di ciascun anno, comunicandolo in via formale all’azienda.

I dipendenti che operano nelle aziende metalmeccaniche del Veneto, iscritti al fondo pensione regionale Solidarietà Veneto, possono destinare il benefit, in tutto o in parte, al Fondo. Il versamento sarà effettuato dall’azienda al netto del contributo di solidarietà INPS del 10%.

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

SOLIDARIETA’ VENETO ASSUME: RESPONSABILE AMMINISTRATIVO E DEL PERSONALE

Solidarietà Veneto, fondo pensione negoziale più diffuso tra i lavoratori del Veneto e realtà in forte crescita, ricerca un Responsabile Amministrativo e del Personale. La figura, riportando direttamente al Direttore dovrà assicurare il presidio e la gestione dei processi amministrativi e del personale, così come di seguito declinato. AREA AMMINISTRATIVA organizzazione e gestione degli adempimenti contabili,

I rendimenti al 31 luglio. E’ l’anno dell’Italia sportiva. Anche per quella finanziaria?

Ci siamo lasciati a giugno commentando l’entusiasmo che respiravamo nella quotidiana attività di consulenza finanziaria. Un ottimismo generale, ispirato anche dal procedere a pieno regime della manifattura veneta e, come scordarlo, dai successi della nazionale italiana di calcio…   …ci ritroviamo oggi a commentare i rendimenti di luglio e, a quanto pare… non ci siamo

COPERTURE ACCESSORIE CASO MORTE – INVALIDITA’ PERMANENTE: PUBBLICATO BANDO DI GARA

ESTRATTO DI BANDO Il Consiglio di Amministrazione di “SOLIDARIETA’ VENETO – FONDO PENSIONE”, iscritto alla Sezione I dell’Albo tenuto dalla COVIP con il n. 87, ha deliberato di procedere alla selezione di una Compagnia di assicurazione con cui stipulare una Convenzione per una polizza collettiva per la copertura del rischio “Temporanea Caso Morte e Invalidità

Torna su