Previdenza

2017: torna il cumulo gratuito dei contributi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il provvedimento inserito nell’ultima legge di Bilancio, e fortemente sostenuto dal Presidente INPS Tito Boeri, è una sorta di riedizione del cumulo contributivo del 2013.

Lo potranno richiedere tutti i lavoratori: dipendenti e autonomi (compresi gli iscritti alla Gestione separata) e i professionisti iscritti alle Casse private.

Con questa nuova possibilità, non sarà più necessario sborsare cifre, anche importanti, per ottenere la ricongiunzione; il lavoratore potrà così sfruttare la totalità dei contributi versati nel corso della carriera.

Le novità



La nuova normativa, in vigore dal 1° gennaio 2017, ha previsto:

  1. l’abrogazione della condizione dell’assenza del requisito per l’accesso alla pensione di vecchiaia;
  2. la possibilità di utilizzare il cumulo anche in caso di pensione anticipata (e non più solo nel caso della “vecchiaia”, come previsto fino all’anno scorso), una volta raggiunti i requisiti attualmente previsti (42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 e 10 mesi per le donne).

L’attivazione del cumulo gratuito, consente al lavoratore di sommare tutti gli “spezzoni” contributivi riferibili a gestioni previdenziali diverse da quella di appartenenza (che altrimenti sarebbero stati persi).

Il vantaggio: i contributi “cumulati”, da un lato, concorrono a far maturare, in anticipo, il diritto alla pensione e, dall’altra, aumentano il montante contributivo su cui si calcolerà l’assegno previdenziale (aumentando l’importo della prestazione previdenziale).

L’importo della pensione infatti deriverà dalla somma degli “spezzoni di pensione” determinati, secondo i criteri delle gestioni coinvolte (il cosiddetto calcolo “pro quota”), in rapporto ai rispettivi periodi d’iscrizione maturati e alle rispettive regole di calcolo (contributivo o retributivo).

La pensione sarà quindi pagata dall’INPS con un unico assegno.

Per informazioni personalizzate rispetto alla tua situazione contributiva, rivolgiti al tuo Patronato di fiducia o all’ufficio INPS territoriale più vicino.

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
APE E RITA: CI SIAMO
ACCORDO SULL’ANTICIPO PENSIONISTICO: I DETTAGLI
QUAL È LA STRADA MIGLIORE PER ANTICIPARE LA PENSIONE?
PENSIONI: FLESSIBILITÀ IN USCITA GRAZIE ALLA COMPLEMENTARE
PENSIONI, ARRIVA L’APE. RENZI CONFERMA LA FLESSIBILITÀ
PENSIONI: COSA C’È NELLA BUSTA ARANCIONE?
CANTIERE PREVIDENZA: SI PUNTA ANCHE ALLA “COMPLEMENTARE”
AL VIA LA BUSTA ARANCIONE (STAVOLTA È VERO)
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
FLESSIBILITÀ IN USCITA, DAMIANO: SE NON ORA, QUANDO?
BOERI: FLESSIBILITÀ IN USCITA PER AIUTARE I GIOVANI
FLESSIBILITÀ IN USCITA: RINVIO ALLA PROSSIMA “STABILITÀ”
BOERI ALL’UE: SULLE PENSIONI SERVE FLESSIBILITÀ

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

VIDEO LIVE. Settembre: cambia il vento sui mercati finanziari?

In collaborazione con Radio Più, il Direttore di Solidarietà Veneto – Paolo Stefan – commenta i risultati finanziari a settembre 2021.  Con una finanza che – dopo mesi e mesi di crescita – segna il passo ed il Paese impegnato ad interpretare la ripresa post Covid-19, pare ci si approssimi ad un autunno che, nel rispetto dello

PERCHE’ NON RIESCO A CREARE UNA NUOVA PASSWORD?

Riconosciamolo: a volte i sistemi informatici hanno la capacità di farci “impazzire” tra nuove password da creare e codici alfa-numerici da inserire. Se ti sei trovato almeno una volta in questa situazione, ecco il nostro contributo per “fare pace” con il mondo IT. Nel nostro approfondimento AREA RISERVATA: COME RECUPERARE LE PASSWORD IN MENO DI

Guida alla fiscalità: come risparmiare tasse (costruendo la futura pensione)

La fine dell’anno si avvicina e con essa alcune scadenze fiscali piuttosto importanti. Vediamo le informazioni principali per massimizzare i benefici fiscali a disposizione degli iscritti a Solidarietà Veneto. La deducibilità fiscale I contributi versati a Solidarietà Veneto sono deducibili dal reddito fino alla soglia annua di 5.164,57 euro (vedi esempio). Il versamento, riducendo il reddito imponibile

Torna su