Previdenza

2016: aumenta l’età per accedere alla pensione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Dal 1° gennaio 2016 sono operative due modifiche all’età per accedere al pensionamento:

  • per la pensione di vecchiaia delle donne, entra in vigore il “gradino” previsto, nel 2011, dalla “Legge Fornero”;
  • per tutti i lavoratori aumentano di 4 mesi i requisiti per la pensione di vecchiaia e la pensione anticipata (Circolare Inps 63/2015 in attuazione del Dm 16/12/2014).

I requisiti 2016 per le donne



Così, per le donne dipendenti del settore privato, l’età di uscita per vecchiaia è passato dai 63 anni e 9 mesi del 2015 a 65 anni e 7 mesi (compreso l’innalzamento di 4 mesi dell’aspettativa di vita). Le lavoratrici autonome, invece, potranno richiedere l’assegno di vecchiaia dopo aver compiuto 66 anni e 1 mese.

Nel caso di lavoratrici del pubblico impiego, l’uscita per vecchiaia, invece, è prevista a 66 anni e 7 mesi (stesso requisito previsto per gli uomini).

Per quanto riguarda l’accesso alla pensione anticipata, saranno necessari 41 anni e 10 mesi di contributi.

L’opzione-donna, inserita nella Legge di Stabilità, ha previsto la possibilità per le donne che, entro il 2015, compiono 57 anni e 3 mesi di età (58 le autonome) e 35 di contributi, di uscire dal lavoro anche l’anno prossimo una volta atteso il periodo previsto dalla finestra mobile (un anno per le lavoratrici dipendenti, un anno e mezzo per le autonome).

I requisiti 2016 per gli uomini



Gli uomini, dipendenti e autonomi, dal 2016, possono andare in pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi (66 anni e 3 mesi fino al 2015).

Saranno invece necessari 42 anni e 10 mesi di contributi (compreso l’incremento di 4 mesi della speranza di vita rispetto al 2015) per accedere alla pensione anticipata.

NOTE
Il presente articolo ha scopo puramente informativo. I dati riportati si riferiscono ai cosiddetti “requisiti standard”; al fine di conoscere esattamente la propria situazione contributiva e le possibilità di accesso al pensionamento, è raccomandabile rivolgersi alle sedi INPS.
Si ricorda che per la prestazione di vecchiaia sono necessarie 20 anni di contributi (che scendono a 15 ove si possano attivare le “deroghe Amato”).

VUOI DIRE LA TUA? Lascia il tuo commento sulla nostra pagina Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
BOERI: TRENTENNI A RISCHIO POVERTÀ
BUSTA ARANCIONE: PARTENZA IN SALITA
“BUSTA ARANCIONE”: I NUMERI IN VENETO
COME SARÀ LA PENSIONE DI DOMANI?
PENSIONE INPS: COME FUNZIONA IL SISTEMA CONTRIBUTIVO
PENSIONI, RENZI: ALLO STUDIO RIFORMA, CON NUOVI PALETTI
PENSIONI, IN ITALIA LA SPESA PIÙ ALTA D’EUROPA
RAPPORTO INPS: IL 2014 SI CHIUDE IN PASSIVO
POLETTI: PENSIONI FLESSIBILI PER AGEVOLARE I GIOVANI
BOERI: I 5 PUNTI PER RIFORMARE LE PENSIONI

Articoli recenti

Scopri

Potrebbe interessarti anche…

Primo semestre 2021. I rendimenti al 30 giugno.

E’ la “fiducia”, bellezza. E tu non puoi farci niente (da L’ultima minaccia – 1952) Tra vaccini e varianti, la “normalizzazione” post Covid avanza con fatica. Eppure, nei mercati azionari prevale la fiducia, nonostante il ritorno dell’inflazione. In Italia perfino i successi sportivi contribuiscono al positivo “mood”. E così la parafrasi di quel vecchio film,

Nuovo Sportello Informativo a Sedico (2)

Novità in provincia di Belluno: apre a SEDICO un nuovo recapito del fondo pensione regionale. Solidarietà Veneto potenzia il servizio nel bellunese. Lo sportello sarà attivo da settembre ogni 3° lunedì del mese, dalle 15.00 alle 18.00 presso la sede di Rete Imprese Dolomiti – Casartigiani Belluno, in via Z.I. Gresal, 5/E. I referenti diretti di Solidarietà Veneto sono

CONTRIBUZIONI SETTORE LEGNO ARREDO INDUSTRIA: SPECIALE LUGLIO 2021

Rinnovo CCNL: Cosa e Come versare la nuova contribuzione al fondo Il rinnovo contrattuale dello scorso 19 ottobre 2020 ha introdotto una serie di novità “previdenziali” per i lavoratori del settore legno arredo industria. Si tratta di 2 aumenti che coinvolgono i versamenti ai fondi pensione contrattuali di riferimento. Oltre all’aumento del contributo azienda (2,20%

Torna su