10 anni di multicomparto, capitolo 2: 2007 – 2011

2007

Nel 2007, dopo le prime avvisaglie registrate l’anno prima, il ciclone “subprime” prende forza: nella prima metà di agosto, le preoccupazioni su un possibile crollo dell’industria dei mutui subprime causano una netta caduta degli indici di borsa USA, con serie ripercussioni sui listini di tutto il. In prima battuta sembra che la crisi possa riguardare in via prioritaria le banche USA. Non sarà così.

Rendimenti: Prudente + 2,94%, Reddito + 3,63%, Dinamico – 0,32% e Tfr + 3,10%

2008

La “crisi subprime” innesca un effetto domino planetario; si rievoca lo spettro della grande depressione del ‘29. La crisi è nelle banche (a partire dagli istituti grandi e “finanziarizzati”), il sistema finanziario mondiale rischia la debacle ed è minacciata la fiducia dei risparmiatori, fondamento del sistema. Intervengono le Banche Centrali con massiccia liquidità. Nonostante questo, il 15/09 Lehman Brothers, una tra le prime banca d’affari al mondo, “tripla A”, dichiara fallimento. Gli effetti sui mercati azionari sono pesantissimi. Solidarietà Veneto sfiora appena l’episodio e “resiste” anche nell’anno più terribile.

Rendimenti: Prudente + 3,73%, Reddito – 5,16%, Dinamico – 14,08% e Tfr + 2,70%

2009

I mercati, inondati dalla liquidità messa in campo dal sistema stato – banche centrali, rimbalzano poderosamente. I comparti di Solidarietà Veneto brindano ai migliori rendimenti degli ultimi anni. Ma la soluzione proposta per il problema dell’eccesso di debito è quella dei tassi bassi e quindi del debito. Si cura la malattia con la causa della stessa. La crisi, passata ormai dalla finanza all’economia reale, sta per entrare nella seconda fase.

Rendimenti: Prudente + 5,08%, Reddito + 8,77%, Dinamico + 13,01% e Tfr + 1,98%

2010

Dopo il debito USA i riflettori si accendono sul debito (pubblico) europeo, specialmente quello del “ventre molle” dell’Europa: Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna. Dalle iniziali di questi paesi viene coniato il tristemente noto acronimo: “PIIGS” (maiali). I bond Ellenici diventano il “subprime” di casa nostra. Anche l’Euro, moneta che tiene assieme le “cicale” del mediterraneo al nordeuropea presunto virtuoso, comincia a vacillare. In Solidarietà Veneto i rendimenti dei comparti concentrati sull’Europa “tengono”. Brilla il Dinamico, grazie alla maggiore diversificazione.

Rendimenti: Prudente + 1,25%, Reddito – 0,48%, Dinamico + 9,53% e Tfr + 2,63%

2010

L’anno più vicino, l’anno dello spread. A essere colpito è proprio il mercato dei titoli di stato italiani; ma è la moneta unica ad essere messa in discussione. Siamo di fronte ad un nuovo scenario, in cui sia i titoli obbligazionari sia quelli azionari registrano forti perdite. Viene demolito un “assioma” della finanza: il titolo “risk free” (privo di rischio) ovvero il titolo di stato, non esiste più. Anche nell’anno più duro il fondo regionale, fortemente votato al contenimento del rischio, difende i risparmi degli aderenti.

Rendimenti: Prudente + 1,19%, Reddito – 0,60%, Dinamico – 0,27% e Tfr + 3,45%

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Scopri

Altre Notizie

Rendimenti 1° trimestre 2021. Sospesi tra passato e futuro

Dopo i brillanti quanto sorprendenti risultati dell’anno passato, la finanza globale, nel primo trimestre del 2021, non ha ancora preso una direzione chiara, anche se a marzo abbiamo assistito ad una promettente ripresa dei mercati azionari. Nel frattempo, il Fondo programma il futuro della gestione finanziaria, sotto il segno dell’innovazione. Nel mezzo di un trimestre

Bilancio 2020 – Documentazione disponibile

Si informa che, in previsione della convocazione dell’Assemblea dei delegati di Solidarietà Veneto, il fascicolo di bilancio relativo all’anno 2020 è disponibile su richiesta degli interessati all’indirizzo mail info@solidarietaveneto.it e presso la sede del Fondo.  

2021/2022. BIENNIO DI RINNOVI CONTRATTUALI

Occhialeria, Legno Arredo e Metalmeccanico: si rinnovano i contratti nazionali e i lavoratori di questi tre settori industriali – che storicamente caratterizzano il Fondo territoriale – potranno beneficiare degli aumenti di contribuzione che saranno introdotti nel prossimo biennio. Tre settori che aggregano più del 50% degli iscritti a Solidarietà Veneto: è quindi molto rilevante il

Torna su